ARIIS: IL PICCOLO BORGO TRA FANTASIA E REALTA’

Ariis è un piccolo borgo situato nella pianura friulana, l’atmosfera che si vive è resa speciale dalla sua storia e dei suoi colori brillanti. Potevo fare a meno di addentrarmi in questo mondo sospeso tra fantasia e realtà? Assolutamente no. 

Allaccia le cinture e lasciati sorprendere della magia di Ariis. 

arii
Seduta sulle sponde del Fiume Stella posso godere della bellezza dei colori di Ariis.

Quello che mi affascina di più dei luoghi che scopro esplorando la mia terra è sempre quell’atmosfera particolare che mi lascia spiazzata e spesso senza parole. Sento quell’aria carica di colori, carica di suoni e sensazioni che si lasciano respirare a pieni polmoni.

Prediligo quei luoghi che sono meno conosciuti proprio per questo, perché non sono influenzata dai punti di vista di chi ci è stato prima di me, lasciandomi trasportare solo da ciò che percepisco in quell’istante.

La memoria delle emozioni, è come definisco il mio modo di scrivere.

Non mi approccio mai al foglio bianco appena si è conclusa la giornata, ma lo faccio dopo qualche tempo perché lascio che i pensieri maturino, diventando una serie di parole guidate solo dalla positività di ciò che ho visto.

Le prime che pubblico sono le foto. Attraverso i canali social do libero sfogo all’entusiasmo e all’immediatezza di pubblicare ciò che ho vissuto, rimanendo fedele alla realtà senza filtri.

Probabilmente di Ariis hai già visto qualche scatto fotografico su Facebook (segui la pagina qui) o le storie in evidenza su Instagram (guardale qui).

Ariis è un piccolo borgo sospeso tra realtà e fantasia.

ariis_monet
Uno scorcio che mi ricorda i quadri di Monet, all’esterno dell’Acquario di Ariis.

Sono state le acque del Fiume Stella ad accogliermi. Complice la bella giornata di sole, i riflessi giocavano sulla superficie dell’acqua regalando attimi di silenzio e contemplazione.

Il verde è il colore dominante in tutto il panorama, dalle acque del fiume che sembrano color smeraldo, alla natura, che ha quei tratti di verde brillante tipici delle piante rinate in primavera.

Sull’ansa del fiume mi ha catturato una barchetta di un blu intenso dedicata a Lidi, ed è stata lei la prima traghettatrice verso il regno della fantasia. Chissà chi è questa donna misteriosa e da qui sono nati diversi personaggi dai tratti caratteriali molto ben definiti.

Ho incontrato una Lidia innamorata, una Lidia guerriera, una Lidia che combatte per la giustizia e così via. Anche se non saprò mai chi sia la vera Lidia mi piace pensare ad una donna forte e indipendente.

A pochi passi dall’argine dello Stella si trova l’Acquario di Ariis.

La natura è qualcosa di speciale. Oltre a regalare colori e riflessi, è anche l’habitat di molti piccoli animaletti acquatici e non, che sono visibili nel circondario dell’Acquario.

All’interno è possibile vedere in cattività alcuni pesci tipici della zona delle risorgive friulane, mentre all’esterno si passeggia su un sistema di passerelle in legno che ti portano nel cuore della piccola riserva.

Lo scenario è molto simile ai quadri di Monet, quelli famosi che mostrano le ninfee e i piccoli ponti. Forse è ambizioso come paragone ma è esattamente quello a cui ho pensato appena ho iniziato a passeggiare entro questa oasi di bellezza naturale.

Poco lontano da me c’erano alcune tartarughe d’acqua, alcune libellule di un colore blu tendente al verde vivido e altre specie, come le papere e le anatre. Salendo sul punto di osservazione più alto, rimanendo in silenzio si può godere di una vista sulla vegetazione e con un po’ di fortuna si possono vedere altre specie di volatili che vivono qui.

Immersa nel verde di Ariis c’è Villa Ottelio Savorgnan.

Villa Ottellio Savorgnan si affaccia sulle Sponde del Fiume Stella e spicca per la sua facciata arancione.

La Villa sorge sulle sponde del Fiume Stella, la sua posizione è molto suggestiva e gode di uno scorcio di una bellezza incredibile sulle acque del fiume stesso.

Purtroppo la villa è visibile solo esternamente a causa della sua condizione, ma è estremamente affascinante.

La facciata è di un arancio spento che in contrasto con il verde della vegetazione del parco circostante la rende ancora più bella, sia dal vivo che in foto.

Il complesso vanta diverse strutture, tra cui il magazzino appena dietro il corpo della villa stessa e un giardino racchiuso dalle mura perimetrali ristrutturate da poco. In quel piccolo giardino, sorge un albero che fa ombra ad una panchina, della quale mi piace pensare che le dame dell’epoca si sedessero a conversare.

Forse non sai che Ariis ha visto nascere un amore molto famoso.

Un amore travolgente e travagliato quello tra tra Lucina Savorgnan e Luigi Da Porto, so che ti starai chiedendo chi sono e per conoscere nel dettaglio la loro storia la puoi leggere qui. 

Hai letto bene, Lucina e Luigi sono i veri Giulietta e Romeo.

Luigi scrisse il dramma amoroso dedicato a Lucina e per ragioni di tutela ambientò la storia a Verona cambiando i loro nomi, fu proprio da qui che Shakespeare trasse ispirazione per la famosa novella.

Le sorprese qui in Friuli Venezia Giulia non mancano mai, ogni angolo riesce a raccontare qualcosa di speciale e Ariis ne è solo un esempio.

ariis fiume stella
Uno degli scorci sul Fiume Stella che mi sono piaciuti di più.

Prima di lasciarti e rivederci al prossimo articolo, ti segnalo il link alla mia prima intervista di viaggio che mi è stata fatta da Cinzia Bellucci e che puoi leggere direttamente sul suo bellissimo blog, che si chiama Più Mondo Possibile. Leggi l’intervista completa qui.

Mandi.

Ylenia

 

 

5 opinioni riguardo a “ARIIS: IL PICCOLO BORGO TRA FANTASIA E REALTA’

  1. Non mi sembra azzardato il paragone ai dipinti di monet. I colori, l’atmosfera … fanno davvero pensare ai suoi quadri. Non abbiamo avuto molto modo di girare nella tua regione, ma prendo spunto e appunto. È un bel posto da vedere con i bambini.

  2. Mi dispiace che non sono mai stata In Friuli, deve essere un posto ricco di pace e grandi estensioni oltre a ricco di storia. Bella la storia d’amore

  3. E’ un luogo incantato, Yle e come sempre lo hai descritto in un modo che solo tu sai fare, un modo che leggendolo ti porta diretta diretta in mezzo alla magia di quel verde. Luogo che mi piacerebbe vedere, chissà, magari se vengo in Friuli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.