Magie, storie, mestieri e tradizioni in FVG

GLI SBILFS: CREATURE MAGICHE DELLA TRADIZIONE FRIULANA

Gli Sbilfs e dove puoi trovarli.

Oggi ti parlo degli Sbilfs: creature magiche della tradizione friulana.

Credere nella magia è come aggiungere un tocco frizzante alla propria vita. Questo articolo è per chi ama assaporare la magia delle credenze popolari e per chi ama il Friuli per le sue storie.

Gli Sbilfs vengono definiti da alcuni gnomi, da altri folletti, da alcuni troll, da me semplicemente creature magiche!

Queste creature popolano la Carnia, l’area alpina a Nord del Friuli.

Il Friuli è una regione carica di miti e leggende che vengono tramandate da generazione in generazione, e oggi voglio scrivere nero su bianco un pezzettino delle nostre leggende da tramandare nel futuro.

Gli esperti di tradizioni sono i nostri nonni, che continuano il loro compito, fondamentale, di tramandare le antiche magie friulane e di raccontarle a noi al posto delle favole.

Il carattere degli Sbilfs è burlone, non è di natura cattiva, anzi amano i giochi, amano i balli e amano mimetizzarsi nell’ambiente dove vivono. La leggenda dice che sono simpatici e impulsivi, agiscono d’istinto e molte volte aiutano le persone in difficoltà a loro modo!

Sei mai stato a spasso nei boschi friulani? Hai mai sentito una risata alle tue spalle, senza sapere di chi fosse? Probabilmente era uno Sbilf che ti accompagnava lungo la tua passeggiata!

Gli Sbilfs sono creature magiche della tradizione friulana, e nelle nostre tradizioni ritroviamo le caratteristiche di questi piccoli folletti. Quello che sappiamo è che abitano nel sottobosco dei boschi carnici, probabilmente amano costruire le loro case nei tronchi degli alberi.

Quando meno te lo aspetti li puoi incontrare, solamente che loro ti vedono e tu no, ne senti solo la presenza o ti danno solo qualche piccolo indizio dicendoti di essere li con te.

Lo sai che per tradizione gli agricoltori friulani lasciano sempre un frutto sugli alberi che hanno coltivato in dono agli Sbilfs che abiteranno in quell’albero?

Gli Sbilfs, essendo creature magiche, non appaiono a tutti ma si dice che solamente i bambini e i buoni di cuore riescano a vederli! Quindi se non li hai mai incontrati il motivo è perchè non stai guardano il bosco con la purezza e la leggerezza degli occhi di un bambino.

Si sa che i bimbi non hanno barriere e il mondo ai loro occhi è magico!

Noi adulti dovremmo essere come loro e abbassare le nostre barriere, il mondo è magico non solo nelle leggende, lo è anche nella realtà, sta a noi renderlo tale!

Io mentre ti racconto degli Sbilfs e delle magie friulane lo sto facendo, e credimi è un gioco che vale la pena di provare.

Il rischio è che tu non veda nulla di magico, e se invece tu incontrassi una creatura magica, come ad esempio il nostro amico Sbilf, non aggiungeresti un tocco frizzante alla tua giornata? Allora provaci!

Come ti dicevo, la natura degli Sbilfs è selvatica ma sono creature magiche positive.

Una curiosità: gli Sbilfs non sono tutti uguali!

Gli Sbilfs: creature magiche della tradizione friulana. Li puoi acquistare presso “Il Cjanton” a Gemona del Friuli.

Esatto, gli Sbilfs non sono creature tutte uguali.

  • Il Gan o Gjan che di carattere è amichevole, ama dormire in un letto che si costruisce col muschio al riparo di vecchi tronchi di alberi caduti, si dice che sia amico delle genti di montagna.
  • Il Mazzarot, il suo tratto distintivo è la risata ha un carattere dispettoso, ama rovesciare il latte e guidare gli animali al pascolo per poi abbandonarli per il piacere di vedere gli allevatori che lavorano il doppio.
  • Il Massaroul, è uno Sbilf molto dispettoso, amante dei frutti di bosco, la storia racconta che odia il colore rosso e le persone per difendersi dai suoi dispetti appendono un abito o uno straccio rosso sulle porte delle loro case, ma la cosa bella è che lui odia questo colore ma il suo vestito è rosso!
  • Ridusuela che porta un cappellino con dei piccoli sonagli, invece è la moglie inseparabile e gelosissima del Massaroul.
  • Il Licj, che è uno Sbilf che ama gli spazi chiusi, vive in casa e il suo passatempo preferito è scucire gli abiti!
  • Il Brau, chiamato anche Braulin, che abita nei paesi e ama giocare con lacchi e corde, infatti il dispetto preferito è quello di aggrovigliare entrambi in matasse difficili da sbrogliare;
  • Il Bagan che ama vivere nelle stalle, e come il Mazzarot, ama rovesciare il latte nelle stalle e nascondere gli oggetti di lavoro dei contadini. La tradizione vuole che per evitare i suoi scherzi sia consigliato offrirgli del latte, della panna e dei cjarsons il giorno di martedì grasso;
  • Infine c’è il Pavar che ama gli spazi aperti e abita nei campi coltivati, è il paladino del rispetto verso la natura e punisce chi non la salvaguarda.

Indovina qual è quello che mi è più simpatico, e raccontami qual è il tuo!

Quello che c’è di bello nella magia della tradizione friulana degli Sbilfs è che si crede che la leggenda sia nata come rappresentazione del rispetto che i nostri avi friulani avevano verso la natura.

Ogni piccolo Sbilf sembra che compisse un’azione per evitare che un uomo ne compisse un’altra contro la bellezza della natura in cui viviamo.

La storia degli Sbilfs è una storia magica di rispetto verso la natura.

Quando fai una passeggiata nei boschi friulani ricordati di rispettare la natura che ti sta ospitando, altrimenti un simpatico e burlone, piccolo Sbilf potrebbe ricordatelo con uno dei suoi giochi o dispetti magici!!!

E ora?

Non vedo l’ora di fare una bella passeggiata sperando di avere il mio amico Sbilf come accompagnatore!

Gli Sbilfs per tradizione vengono riprodotti in piccole statuette da regalare ai tuoi amici come souvenir del tuo viaggio in Friuli.

Lo Sbilf che tu regali è un porta fortuna e una volta posizionato in casa non va poi cambiato di posto, perchè essendo una creatura magica e abitudinaria, non ama essere spostata in altre parti della casa. E non dimenticarti di dargli un nome!

Nei prossimi articoli ti racconto dove li puoi trovare, intanto puoi farti un’idea qui! Ti racconterò di alcune attività che meritano davvero una visita, perchè incarnano l’essenza del Friuli in pochi metri!

Ci vediamo mercoledì con il prossimo articolo! Se non sai ancora qual è il progetto che ti presento con Viaggia con Yle e quali sono gli appuntamenti settimanali ti lascio l’articolo qui!

Viaggia, ridi, vivi!

Ylenia

 

 

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.