#condividiFVG: l'hashtag per conoscere il Friuli,  Provincia di Trieste

Trieste: Cavana Stories le radici di un quartiere

Un progetto ha sempre un anima e io la considero come la scintilla che scaturisce da un’idea. Da qui in poi è il racconto ad essere il protagonista con lo scopo di rendere partecipi anche gli altri nelle emozioni provate. 

Questa frase riassume il valore che per me ha il mio blog.

Il peso che ripongo nelle emozioni è da sempre il cuore pulsante di Viaggia con Yle che nasce come progetto editoriale, muta nel tempo per poi diventare un diario tra le cui righe traspare la mia personalità e le sensazioni legate ai luoghi del Friuli Venezia Giulia.

Chi mi conosce di persona e chi ha avuto modo di leggermi sa che ho un animo di una sensibilità estrema e spesso rimango colpita da frammenti di esperienze, dai colori e dai ricordi scatenati dagli ambienti visitati.

Ti racconto questo perché voglio farti cogliere le sfumature delle parole che scrivo, che non sono lasciate al caso, anzi, al contrario sono traduzioni in lettere delle più disparate sensazioni che provo.

Nelle uscite cerco di non limitarmi a guardare la superficie o la parte esterna di un posto, quella più bella e ordinaria, ma di immedesimarmi quanto più possibile nella storia che permea quell’ambiente. 

E di conseguenza, aiutata anche dalle informazioni che posso reperire, cerco di immaginarmi quello che è stato e perché quel posto ha assunto determinate sembianze.

Trovo che un luogo sia il risultato di una stratificazione di storia e di storie personali che ne alimentano l’atmosfera.

Bene.

Dopo questa dovuta premessa voglio parlarti di un progetto che trovo sia speciale e non lo dico perché nell’ultimo periodo ho avuto modo di addentrarmi nel dietro le quinte, ma perché credo che rispecchi in toto ciò che ti ho spiegato nelle poche righe precedenti. 

Parliamo di Cavana Stories, il docu-film realizzato dal Collettivo artistico DMAV in collaborazione con l’Associazione Culturale Cizerouno.

Foto credits: DMAV

Il documentario fa parte di Doublin’ ed è un progetto di arte pubblica ambientato a Trieste e che vede protagonista la luce al neon, come mezzo espressivo.

Se vuoi approfondire puoi farlo qui.

Ci troviamo nel quartiere Cavana che è parte della città vecchia di Trieste e passeggiando tra le sue vie si può respirare quell’alone di malinconia legata al passato.

Mentre il mondo esterno corre veloce verso il futuro, l’atmosfera che si vive qui ci chiede al contrario di fermarci e dare voce al passato. 
E allora attraverso le parole degli ragazzi di un tempo, riusciamo a rivivere quell’atmosfera sentendo il ritmo dettato in sottofondo dall’armonica di un suonatore di strada che la storia la conosce bene.

Conosciamo i giochi dei bambini, le donne dell’epoca, le abitudini di chi abitava il quartiere e mentre le immagini scorrono riusciamo ad immaginare chi fossero e che volto avessero i protagonisti dei ricordi.

Sono sicura che quando avrò la possibilità di tornare a Trieste passeggiando tra queste vie non sarà più lo stesso, ma avrò la curiosità e la voglia di soffermarmi davanti a dove viveva la “rossa” o altri dei protagonisti del racconto. 

Domenica ho visto per la prima volta Cavana Stories in televisione e dopo cinquanta minuti avrei voluto che fosse solo l’inizio di un racconto.

E’ il valore della storia ad avermi rapito e catapultato a Trieste, città che ho avuto modo di raccontare in altri articoli ma mai da questo punto di vista. 

Lo spunto di riflessione che ti voglio trasmettere è questo: ti chiedo di lasciarti trasportare dai luoghi, di toglierti i filtri con cui sei abituato a guardare le cose e di entrare quanto più possibile in contatto con quella che è la vera essenza di un posto. 

In questo ti sono utili, i video e i documentari come Cavana Stories, che hanno la capacità di unire le memorie, le emozioni dell’interlocutore che te le racconta, il luogo stesso se lo conosci già; a cui poi devi aggiungere un po’ della tua immaginazione per trasfigurare nel passato. 

Ringrazio DMAV per avermi permesso di prendere parte al loro progetto e per avermi fatto conoscere una parte di Trieste attraverso dei nuovi occhi.

Che cos’è Cavana Stories? Qui e qui trovi più informazioni.

Ascolta qui la puntata del podcast Shibumi dedicato alla forza narrativa che si nasconde dietro Cavana Stories.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.